Turismo-Responsabile.it

Turismo Responsabile e Sostenibile – Informazioni, news, viaggi

Visitare Macerata: cosa vedere e luoghi di interesse

Siamo nelle Marche, una Regione duramente colpita dai sismi recenti che hanno devastato ampie aree del Centro Italia. Macerata ha subito a sua volta dei danni anche nei paesi della sua provincia ma lo spirito dei marchigiani contribuisce fortemente alla ripartenza del territorio nonostante tutto e i ritardi evidenti della burocrazia.

Dove si trova Macerata

Macerata è una città delle Marche, poco più di 41 mila abitanti ma capoluogo di Provincia ed è considerata una delle più belle città di questa Regione, adagiata su una collina, tra le città di Fermo, Ancona e Ascoli Piceno.

Macerata è una città tranquilla con un tasso di delinquenza tra i più bassi d’Italia che è stata scossa, oltre che dal terremoto, da recenti fatti di cronaca che non rendono giustizia al clima di serenità della città.

Vale una visita anche con i bambini, quindi si tratta di una città con un carattere turistico di tipo familiare e molte attrattive, molte cose da vedere.

Cosa vedere a Macerata

Girando per le vie di Macerata si respira arte e storia che sono testimoniate fisicamente dai tanti monumenti che raccontano i vari periodi storici e le vicende che hanno interessato nel corso dei secoli Macerata. 

Il Centro Storico di Macerata

Visitando Macerata si notano diversi stili che raccontano varie epoche della città. Fonte Maggiore è una cisterna che in tempi passati fungeva da serbatoio d’acqua per i lavatoi e come fonte per l’abbeveraggio del bestiame.

Ancora ai nostri tempi serve per raccogliere l’acqua piovana, tenuta come riserva d’acqua preziosa nei periodi di siccità che sono sempre più frequenti in questi sconvolgimenti climatici che stiamo vivendo.

I Forni Antichi rappresentavano un tempo il mercato coperto di Macerata mentre oggi sono stati ristrutturati in maniera mirabile ed utilizzati come galleria espositiva di vario genere.

Se si desidera vivere il clima sociale ed antico di Macerata uno dei modi più piacevoli è concedersi una pausa caffè in uno dei locali più antichi della città, il Caffè Venanzetti. Tutta l’atmosfera un po’ sorniona e di antico fascino si respira in questo locale storico. 

Luoghi di interesse a Macerata

Lo Sferisterio

Lo Sferisterio è un’arena che viene utilizzata per lo sport della pallamano. Questo sport, un tempo molto popolare e diffuso un po’ in tutta Italia, oggi è quasi scomparso, essendo ormai limitato nella sua pratica a pochi luoghi nella penisola.

Lo Sferisterio di Macerata ha seguito questo degrado ed abbandono di tale sport ma oggi, grazie alla sua particolare acustica, ospita una serie di eventi canori lirici e di altri concerti, un aspetto di grande arte e cultura in linea con lo spirito di Macerata.

Museo della carrozza

E’ uno dei pochi musei esistenti ad ospitare un’interessante collezione di antiche carrozze e di portantine un tempo utilizzate per portare a spasso le nobildonne. Le carrozze sono sia di tipo classico che sportivo mentre alcuni carrozzini dell’800 completano questa interessante e rara collezione. 

Il Palazzo Buonaccorsi

Uno dei più bei Palazzi di Macerata è il Palazzo Buonaccorsi che oggi ospita tre diversi percorsi culturali:

  • Arte moderna
  • Arte antica 
  • Museo della Carrozza di cui abbiamo parlato precedentemente

Al piano nobiliare del Palazzo Buonaccorsi si possono ammirare stupendi affreschi  e segni zodiacali celati negli intarsi di porte e finestre.

Prima di lasciare Macerata si deve assolutamente assaggiare la cucina marchigiana, ricca e gustosa che potrai trovare in uno dei tanti ristoranti anche parecchio caratteristici del Centro Storico. Ovviamente La stessa cucina la puoi trovare anche nei tanti ristoranti al di fuori del Centro storico ma in questo caso perdi un po’ dell’atmosfera antica della città di Macerata. 

Visitare Macerata, i suoi dintorni, fare acquisti di souvenir e di prodotti tipici, mangiare in uno dei suoi ristoranti è anche in modo per contribuire concretamente, e piacevolmente, al rilancio del territorio colpito dal terremoto.  

Andrea B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto