Turismo-Responsabile.it

Turismo Responsabile e Sostenibile – Informazioni, news, viaggi

Isola di Texel: dove si trova, cosa vedere e luoghi di interesse

Quando pensi all’Olanda ti vengono in mente i mulini a vento oppure città di notevole importanza, Amsterdam, Rotterdam, Utrecht, Gouda e altre mentre invece oggi vogliamo parlarti di un vero paradiso naturale: l’Isola di Texel.

A nord di Amsterdam

Amsterdam è una bellissima città, particolare per il fatto di essere costruita, come Venezia, sui canali, tanto da essere anche conosciuta come la “Venezia del Nord”. Purtroppo questa importante città dell’Olanda, troppo spesso confusa e ritenuta erroneamente da molti la capitale olandese che è, invece, L’Aia, è anche da molti conosciuta non tanto per le sue eccezionali particolarità, la sua storia e la sua bellezza ma come la capitale della droga e dei drogati.

E’ vero che la liberalizzazione delle droghe leggere che esiste in Olanda fa sì che ad Amsterdam circoli parecchia droga ma bisogna togliersi da questo aspetto negativo e godersi la città per quello che è, una città godibile, con molti importanti musei, la Casa di Anna Frank e molto altro da vedere e visitare.

Una volta visitata e goduta Amsterdam, si può puntare a nord, sulla porzione nord occidentale dell’Olanda, fino ad arrivare alla punta di questa porzione di questo bellissimo Paese dove, attraverso una breve traversata in traghetto, si arriva all’Isola di Texel.

L’Isola di Texel 

In breve tempo arrivi all’approdo dell’Isola di Texel e ti rendi conto di essere in un altro mondo: l’isola, pur non essendo tanto estesa, lo è abbastanza da ospitare alcuni villaggi distanti pochi chilometri tra loro.

La circolazione dei veicoli a motore è severamente vietata su quest’isola con la sola eccezione dei pochi residenti: qui si viaggia soltanto con le biciclette che potrai noleggiare appena approdato sull’isola a costi veramente popolari, proprio per agevolare i visitatori.

La sensazione che vivi è particolare e ti stupirà: sentirai soltanto il rumore del vento che è quasi costante in questa zona e i versi dei tanti animali che popolano l’isola

La fauna dell’Isola di Texel

Pedalando sulle strade dell’isola, costeggerai foreste, distese verdi, aree semi paludose e vedrai una varietà incredibile di animali, soprattutto volatili. Gli Aironi sono numerosissimi e l’ambiente senza rumori e tutelato li rende poco timorosi della presenza umana ma devi assolutamente essere rispettoso di questo ambiente e non disturbare gli animali.

Potrai vedere ai lati della strada o in attraversamento della stessa anche altri animali terricoli che devi prestare attenzione a non investire e disturbare nella loro serena vita quotidiana.

I villaggi dell’isola

Si parla di piccoli e radi villaggi che, però, possono offrire sistemazione per la notte, se desideri visitare bene l’isola e comunque dare ristoro dopo un certo tempo di pedalata, con buon cibo e bevande ristoratrici.

Le persone residenti sull’isola sono estremamente cordiali con i visitatori rispettosi di questo ambiente, sono persone serene e ben disposte, molto diverse da quelle di città, cordiali ma pur sempre con un certo distacco.

Gli olandesi sono ospitali per natura, gentili ed educati e moltissimi, quasi tutti, parlano anche inglese, favorendo la comunicazione verbale.

Le spiagge di Texel

Pedalando per le strade di Texel vedrai indicazioni laterali per raggiungere le spiagge che si affacciano sul Mare del Nord. Si tratta di belle spiagge accoglienti e deserte anche nei periodi di alta stagione, selvagge: non troverai stabilimenti balneari, nessun ombrellone o lettino.

Certo, il Mare del Nord non è come il mare che gli italiani sono abituati a vivere; l’acqua è decisamente più fredda ma se ami la pace, in nessun posto in Italia puoi trovare tanta pace come qui, tranquillo a rilassarti sdraiato in spiaggia a goderti il tiepido sole di queste zone, accarezzato dal vento.

Dopo la visita all’Isola di Texel, ritornare sulle comini strade olandesi con il traffico e i rumori caratteristici di ogni luogo soggetto a traffico, ti sembrerà strano e ti genererà una sorta di nostalgia per quel luogo così selvaggio e silenzioso.

Andrea B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto